Gent.le dott. Ruggera, il medico a cui mi sono rivolto ha scritto che nel mio caso “ci sono indicazioni per un trattamento disostruttivo che può essere eseguito con Green Laser che però – ha aggiunto -, non porterà a completa risoluzione dei disturbi minzionali lamentati”. Per questo le chiedo: il trattamento disostruttivo eseguito con il Green Laser risolve o no i problemi minzionali?

DOMANDA

Buongiorno dott. Ruggera,

ho la prostata ingrossata al +100%  così mi sono rivolto ad un medico di Rovereto per chiedere, se possibile, eseguire un intervento con Green Laser.

Il medico ha scritto “ci sono indicazioni a trattamento disostruttivo che può essere eseguito con Green Laser che però non porterà a completa risoluzione dei disturbi minzionali lamentati”.

Si chiede se l’intervento in oggetto è solitamente risolutivo dei problemi sopra citati oppure codesta risoluzione è inutile?

Quale strada un utente deve percorrere per risolvere il suo problema, visto che ogni medico dice una cosa ed il paziente resta in attesa di una soluzione?

Grazie per una risposta urgente e possibilmente qualche indicazione di risoluzione al mio problema.

Sarei lieto, in caso di richiesta, inviarvi qualche documento per vostro esame.

Cordiali saluti
M.M.

RISPOSTA – LORENZO RUGGERA

Gentile Sig. M.M.,

naturalmente non posso entrare nel merito di quanto detto dal Collega di Rovereto, non avendo a disposizione gli accertamenti che lui avrà sicuramente valutato e non avendo la possibilità di avere una anamnesi dettagliata e un esame fisico.

Credo comunque di intuire che il Collega si sia riferito ai disturbi minzionali detti “della fase di riempimento”, ossia aumentata frequenza minzionale diurna, urgenza minzionale e possibile incontinenza da urgenza, che possono essere conseguenti ad un’ostruzione prostatica.

Se, infatti, in caso di vescica funzionalmente integra, il trattamento Green Laser elimina, o quanto meno riduce significativamente i disturbi da ostruzione (getto indebolito, levate notturne, svuotamento incompleto), l’aumentata frequenza diurna, l’urgenza e l’incontinenza da urgenza alla lunga possono divenire indipendenti dalla ostruzione e non risolversi, almeno completamente, con la sola disostruzione prostatica.

In questo caso si dovrà fare ricorso anche a terapie mediche specifiche successive.

Cordiali saluti,
Lorenzo Ruggera

LO SPECIALISTA RISPONDE Le risposte alle domande dei pazienti – LEGGI TUTTO