fbpx

Tecnica Rezum

Tecnica Rezum

DOMANDA

Salve dott. Cindolo,

ho 47 anni e da due anni e mezzo soffro di bruciori uretrali, urgenza e frequenza minzione non giustificate per la quantità di urina scaricata.

Dopo un rapporto sessuale ho bruciori e sensazione di urinare di continuo.

Ho eseguito diverse ECO che evidenziano dimensioni: (54x35x33 Vol.34mm) con tessuto disomogeneo.

Ho eseguito RM parametrica che evidenzia dimensioni: (44x54x47 vol 58cc), con presenza di adenoma centrale di 30x30x24.

Ho eseguito cistoscopia che evidenzia prostata aumentata di volume con predominanza del lobo sx. Collo vescicale con ridotta elasticità. Il residuo post minzionale è di circa 34 cl, ed a volte supera i 70 cl come in occasione del controllo ECO post-urinoflussometria, dal quale risulta per alcuni sballata con uso del torchio addominale, e leggera ostruzione cervicouretrale.

Esami colturali negativi. Sono in cura con Alfuzosina e Serenoa senza risultati.

Ho provato ogni tipo di cura a base di integratori ed antibiotici con nessun risultato. Gli urologi, che ho contattato sono in confusione. Chi parla di ipertrofia da trattare chirurgicamente, chi di sclerosi del collo vescicale da trattare chirurgicamente. Un urologo vuole praticare una Turp, un un altro una Tulip .

Quale scegliere considerando che ho la una prostata perennemente infiammata?

Ho letto della tecnica Rezum, potrebbe fare al caso mio?

La ringrazio per il tempo che mi dedicherà, resto in attesa di un suo gentile riscontro.

Distinti saluti,
E.D.L.

RISPOSTA – LUCA CINDOLO

Salve Sig. E.D.L.,

grazie per avermi contattato. Il suo caso, così come è descritto, è esattamente nel mezzo di una diagnosi di prostatite cronica con ostruzione cervicouretrale come da sclerosi del collo.

In effetti è difficile stabilire ora se la prostatite ha innescato la ostruzione o la ostruzione che permane da tempo abbia infiammato la prostata. Chiaramente il caso ha una prima indicazione alla terapia medica, anche vista l’età, ma lei l’ha già percorsa in abbondanza.

Persistendo i sintomi, gli urologi le propongono di rimuovere un po’ di tessuto prostatico (TURP) o di incidere il collo vescicale con il laser (Tulip) per poterle migliorare la portata del flusso urinario. Il Rezum ottiene lo stesso risultato disostruttivo e lo ottiene senza rimuovere tessuto o incidere, in quanto determina una “lessatura” della prostata.

La differenza tra Rezum e tecniche che distruggano il tessuto è che la percentuale di turbe ejaculatorie è a vantaggio del Rezum.

Se ha bisogno di parlare e vuole che io rivaluti il suo caso, io sono a disposizione.

Distinti saluti,
Dott. Luca Cindolo

LO SPECIALISTA RISPONDE Le risposte alle domande dei pazienti – LEGGI TUTTO
2019-07-25T20:02:57+02:00